Impianto post estrattivo

Un caso di impianto post estrattivo immediato con contemporaneo rialzo di seno di un molare superiore fratturato, si sono sfruttate le pareti ossee dei setti interradicolari per la stabilità primaria.

La separazione delle radici per l'estrazione atraumatica del dente e i tagli di suddivisione dei setti interradicolari, sono stati eseguiti con le punte vibranti a bassa frequenza Sonosurgery.

 

 

Visione occlusale di un dente devitalizzato non recuperabile per una frattura in senso mesio-distale.

Asportazione della corona e separazione delle radici con le punte Sonosurgery, utilizzate anche per la sindesmotomia.

Particolare dell'azione delle punte  Sonosurgery nella separazione delle radici per facilitarne l'estrazione atraumatica.

Dopo l'estrazione della radice palatina si sono separate le 2 radici buccali  e rimosse singolarmente in modo gentile per preservare il piatto buccale senza lembo chirurgico.

Le sottili incisioni nei setti interradicolari eseguite con le punte Sonosurgery per  iniziare la loro divisione mediante osteotomi manuali.

Inizio della preparazione delle sede impiantare con dislocamento dei setti ossei interradicolari mediante bone-expanders manuali a spinta.

Posizionamento di un impianto di 6,7 x 13 mm con dimensioni adeguate al dente da sostituire, notare la  posizione centrata nell'alveolo nei due assi.

Guarigione per seconda intenzione a 2 mesi dall'intervento, con una sola fase chirurgica trasmucosa si è completato il caso perdendo una minima quantita' di volume alveolare.

Rx dell'impianto dopo due mesi dall'inseri-mento, notare il rialzo di seno e il buon manteni-mento del livello osseo marginale.

Tecnica di
Rialzo del Seno

Tecnica di
Espansione Crestale

Tecnica di
Impianto Post Estrattivo